Redazionali

Airoldi e non più Airoldi

Veronica Airoldì ha deciso di non candidarsi per un secondo mandato a Palazzo Majnoni. La notizia è nota da sabato scorso ma oggi c’è stato il momento in cui il Sindaco ha deciso d’incontrare i giornali per poter approfondire il tema.

Airoldi ci accoglie nelsuo ufficio con sorriso smagliante, sembra essere già più rilassata.

Allora cosa farai di belllo la prima domenica in cui non sarai sindaco? Magari vado al mare, se non ci sono altre elezioni.

Vuoi spiegare agli erbesi, molti dei quali scommettevano sul tuo secondo mandato, i motivi che hanno portato a questa decisione? Quando mi sono presentata credevo fosse corretto fare un solo mandato perchè in questo modo si è propensi a prendere decisioni liberi da calcoli imposti da una seconda tornata amministrativa, e puoi scegliere in base alle tue idee e non in previsione elettorale. I partiti e le liste che mi hanno sostenuto erano a conoscenza della mia scelta ed eravamo d’accordo su un incontro, per decidere il da farsi. Verso giugno dello scorso anno ho riflettuto sulla possibile ricandidatura tuttavia nell’autunno ho confermato la scelta ufficializzata in questi giorni.

Con Mauro Caprani e Licia Ronzulli

A cosa è dovuto il cambio d’idea? Oggi la situazione è cambiata. Sono io stessa ad avere la convinzione di non riuscire a dare il massimo perchè arrivo alla fine del mandato molto stanca, stanchezza che si protrarrebbe anche nell’eventuale secondo mandato. Sarebbe scorretto da parte mia un impegno di questo tipo senza la certezza di offrire il meglio a questa città perchè sono abituata a dare il massimo e pensare di non essere in grado di farlo mi fa desistere. Una città merita un Sindaco entusiasta ed energico.

Hub vaccinale anti Covid, Fontana Fermi Airoldi Zoffili Rivolta Erba Turba

Quanto ha limitato la tua amministrazione il dover convivere con la Pandemia. Pesantemente. C’è stato un periodo in cui la priorità era intervenire ad aiutare le persone in difficoltà perchè ammalate o inabili al movimento, poi è arrivata la necessità di organizzare il centro Vaccinale. Come Amministrazione abbiamo subito le nuove regole e sia per quanto riguarda gli investimenti che le assunzioni e questo ha limitato notevolmente il nostro operare. Ma il Covid ha condizionato moltissimo perchè il dover assumere decisioni che riguardavano anche la salute dei cittadini, che sono poi le persone che incontri e conosci, mi fatto vivere una responsabilità superiore a quella a cui normalmente si sottoporre un Sindaco.

C’è qualcuno che vorresti ringraziare dopo questi anni? Vorrei ringraziare i dipendenti del comune che sono stati in grado di tradurre le iniziative promosse e i cittadini. Negli incontri avuti in questi 5 anni ho sempre avuto un grande apprezzamento dai cittadini. La soddisfazione più grande che un amministratore pubblico possa avere. Non è un atto dovuto ma ci tengo anche a ringraziare Forza Italia, la Lega e le liste che mi hanno sostenuto. Non dimentico il ruolo svolto dai componenti di Giunta e del Consiglio comunale: il rapporto con loro è sempre stato positivo ed armonico e le rare divergenze si sono sempre composte in una sintesi costruttiva per la città.

 

Veronica Airoldi e Matteo Redaelli

You Might Also Like

No Comments

    Leave a Reply